Skip to content

BUSCIA

titolo

BUSCIA

Descrizione

Musica di: RODOLFO MORGIGNI
Testo di: GIOVANNI CAPURRO
Rielaborazione: ANTONIO GILLO
Interprete: FRANCESCA FARIELLO
Editore: GENNARELLI BIDERI EDITORI S.R.L.
Note storiche: Buscia è una delle canzoni meno note del vastissimo repertorio musicale di Giovanni Capurro. Negli archivi della Fondazione Bideri sono presenti due spartiti, identici nel testo e nella musica, ma diversi nel formato grafico. Il più completo dei due presenta una dedica alla “dist.ma signora Gigia Bono”, ma soprattutto indica che fu pubblicato dalla Società Musicale Napolitana e stampato presso la stamperia G.C. Roder di Lipsia. Una palese testimonianza, quest’ultima, di come le canzoni napoletane fossero diffuse nel mondo. Circa l’anno di pubblicazione, invece, sono poche le notizie a disposizione: è lecito supporre che la canzone risalga ai primi anni del ‘900, probabilmente al 1902. In ogni caso, i due spartiti indicano in Rodolfo Morgigni il compositore, a differenza delle scarse notizie rintracciabili  sul web che ne assegnano la paternità a Francesco Paolo Frontini.
Nella delicatezza dei versi e nel valore icastico delle scene raffigurate, la canzone è perfetta testimonianza della sensibilità poetica dell’autore di ‘O sole mio.

Nel 2020 Francesca Fariello ha inciso la versione di Buscia, qui riportata, nell’ambito del progetto di recupero di canzoni napoletane dimenticate, avviato dalla Fondazione Bideri e ispirato ad un’idea di archeologia musicale che combina ricerche filologiche e innovative modalità di fruizione. Già protagonista della riscoperta di Fronn’ ‘e rose di Vincenzo Russo, la cantante ricercatrice ha rilanciato Buscia interpretandola nel rispetto dello spartito originale conservato negli archivi della Fondazione Bideri.

Versi:
Non fuste tu ca nzino a me diciste
Te voglio bene quanto a vita mia!!
Te si scurdata è ovè, ca m’ ‘astrigniste
dicenno: “Io pe tte moro ‘e gelusia”?

Chelli guardate chiene ‘e passione
‘nfra nu suspiro e nu vasillo doce
m’hanno rimasta tanta impressione
ca si nce penzo tremma pure ‘a voce.

Na sera ‘e luna, ah! Nun mo scordo maie
stu core se squagliava pe’ gulìo
“Di’, quante me vuò bene?” te spiaie.
Diciste: “Quanta a chella luce ‘e Dio!”

Allora ‘a luna ‘ncielo sentette
e, si se conta para na pazzìa,
passaie na nuvola e s’annascunnette
pecchè sapeva ch’era na buscia.

Buscia 2
Altro spartito di Buscia presente negli archivi della Fondazione Bideri