Skip to content

L’ANGELO MIO!

titolo

L'ANGELO MIO!

Descrizione

Musica di: EDUARDO DI CAPUA
Testo di: GIOVANNI CAPURRO
Rielaborazione: ANTONIO GILLO
Interprete: FRANCESCA FARIELLO
Editore: GENNARELLI BIDERI EDITORI S.R.L.
Note storiche: L’angelo mio! vanta un piccolo primato: delle oltre duecento canzoni scritte da Giovanni Capurro è la meno nota. È assente finanche nel documentatissimo elenco di brani contenuto nel libro “Giovanni Capurro” di Mimmo Liguoro, una delle opere più complete sulla produzione del “poeta sociale”. Nel 2020 Francesca Fariello l’ha rilanciata con una versione piano e voce, fedele trasposizione di uno spartito presente negli archivi della Fondazione Bideri. Proprio lo spartito rivela che la canzone fu pubblicata per la prima volta nel 1909 sulle pagine de La tavola rotonda.
Il brano porta la firma musicale di Eduardo Di Capua, insomma è opera degli stessi autori di ‘O sole mio. E come ‘O sole mio si compone di tre strofe. Curiosità, dello stesso anno e degli stessi autori è anche Serenatella appaurata, anch’essa pubblicata su La tavola rotonda.

Versi:
Quanno stanco d’ ‘e pene ‘e sta vita,
ncoppa ‘a seggia mme ietto, abbattuto,
fisso l’uocchie int’ a st’uocchie ‘e velluto
e na pace me pare ‘e gudè

Ah! tu si n’angelo,
truovene ‘a via
st’anema mia
salvala tu!

Io te guardo: cunfuso, ‘ncantato
sbatte ‘o core, nun trova cchiù flemma:
‘a parola se ‘mbroglia, mme tremma,
vurrìa di’… ma nun ‘ngarro a parlà.

Ah! tu si n’angelo,
truovene ‘a via
st’anema mia
salvala tu!

Sto penzanno ca pure ‘nu scoglio
è vasato da ll’onna d’ ‘o mare!
Io ‘na lacrema aspetto, ma pare
ch’ è nu suonno a vederla spuntà!

Ah! tu si n’angelo,
truovene ‘a via
st’anema mia
salvala tu!

Frontespizio l'angelo mio
Frontespizio dello spartito L’angelo mio!